Visite gratuite all’Art Forum Würth Capena e alla Fondazione “Mario & Maria Pia Serpone"

Cappella Nitsch

Cappella Nitsch, Foto: © Fabio Donato

Sabato 29 aprile 2017, dalle ore 10.00

La Fondazione Mario & Maria Pia Serpone ha sede nel Comune di Torrita Tiberina (RM), non lontano dall’Art Forum Würth Capena. Il parco ospita opere, installazioni ambientali, performance “e tutto quanto possa prendere forma d’arte attraverso i linguaggi sincopati del contemporaneo e l’impiego di ultime tecniche e nuovi materiali, in perfetta relazione con l’ambiente.”
Risale al 2012 l’inaugurazione della Cappella Nitsch, cui l’artista austriaco, ha dato la sua totale disponibilità per l’allestimento e arredamento con opere ed installazioni realizzate in loco.
Hermann Nitsch (Vienna, 1938), esponente massimo dell’azionismo viennese, nella mostra in corso all’Art Forum Würth Capena, “A.E.I.O.U. - Da Klimt a Hausner a Wurm - L’arte austriaca nella Collezione Würth”, è rappresentato da due opere: “Secessione” del 1987 e “Dettaglio di un All-Over Painting dell’O. M. Theater” del 1984-85, quest’ultima da intendersi come traccia e testimonianza di quell’opera d’arte totale da egli ideata che è il “Teatro delle Orge e dei Misteri”.

Programma: 
Ore 10.00 – 11.00 visita guidata gratuita alla mostra presso l’Art Forum Würth Capena
Ore 11.30 – 12.30visita alla Fondazione “Mario & Maria Pia Serpone - Segni d’Arte”

L'Art Forum Würth Capena metterà a disposizione gratuitamente per l’occasione un pullman che partirà da Roma, piazza Mancini, alle ore 9.30 e rientrerà a Roma intorno alle 14.30.
La prenotazione è obbligatoria fino ad esaurimento posti disponibili.

Di seguito gli indirizzi per chi invece si servirà di mezzi propri:
Art Forum Würth Capena:
Viale della Buona Fortuna, 2 - Loc. Scorano - 00060 CAPENA (RM)
Fondazione Mario & Maria Pia Serpone: Torrita Tiberina (RM), Strada provinciale Tiberina, km. 37.100

Si richiede gentile conferma di partecipazione. INGRESSI GRATUITI

Per maggiori informazioni:

Scarica il Comunicato Scarica il Comunicato