Oltre 400 partecipanti all’inaugurazione di “ART FACES", la collezione di ritratti d'artista in mostra al museo Würth

Capena (Roma), 18.02.2019

Sono oltre 400 gli ospiti che hanno presenziato all’apertura di “Art Faces”, un’esposizione di opere fotografiche di ritratti di artisti del calibro di Salvador Dalì, Pablo Picasso e Andy Warhol, provenienti dalla collezione Würth e in mostra presso l’Art Forum di Capena dal 18 febbraio 2019 al 14 marzo 2020.
L’Art Forum è uno spazio espositivo situato alle porte di Roma all’interno della sede Würth di Capena e dedicato alle opere d’arte della Collezione fondata dal Prof. Dr. h. c. mult. Reinhold Würth, Presidente del Consiglio di Sorveglianza del Gruppo internazionale leader nella distribuzione di prodotti per il fissaggio e il montaggio. Da appassionato collezionista di arte moderna e contemporanea, con più di 18.000 opere di pittura, grafica e scultura, il Prof. Dr. h. c. mult. Reinhold Würth ha negli anni promosso e sostenuto progetti di varia natura in ambito artistico, scientifico, formativo ed educativo. In Italia, quella dell’Art Forum Würth di Capena è una realtà eccezionale. Pochissimi sono infatti i musei all’interno delle attività produttive che contribuiscono a rendere più confortevole e stimolante l’ambiente lavorativo e ad offrire un’occasione di arricchimento per tutti.
È in questo contesto che il 16 febbraio è avvenuta l’inaugurazione della mostra “Art Faces”. Ad aprire l’evento l’intervento di Norman Atz, Responsabile Comunicazione di Würth Srl, che ha presentato l’attività del Gruppo multinazionale e il suo rapporto con il mondo dell’arte e della cultura. Successivamente a prendere la parola sono state Valentina Spagnuolo, Marzia Mosca e Marianna Benigni, staff operativo dell’Art Forum Würth Capena, cui è seguito un intermezzo con la musica del gruppo jazz “Urban Boogaloo”.
La presentazione della mostra in esposizione è avvenuta a cura dell’ospite d’onore Walter Guadagnini, Direttore di CAMERA, Centro Italiano per la Fotografia (Torino) e Docente di Storia della Fotografia, che ha così commentato: “Il bello della fotografia è che ha un approccio facile, ciascuno vi si può avvicinare senza sentirsene intimorito, come invece può accadere di fronte ad un’opera. Ciò permette di entrare in confidenza con l’immagine e con il personaggio che vi si cela dietro, grazie a quello che non è che un gioco a due fra artista e fotografo che ha il duplice compito di far conoscere l’artista attraverso la sua opera e, al contempo, far comprendere l’opera dell’artista attraverso la fotografia”.

La collezione
“Art Faces” è una raccolta dedicata all’eccellenza nell’arte della ritrattistica di artisti visuali moderni e contemporanei, alcuni dei quali tra i maggiori del XX secolo. Comprende più di 240 fotografie di 42 diversi autori, tra cui Arnold Newman (1918-2006), autore del ritratto di Piet Mondrian; Herbert List (1903-1975), che scatta il brillante ritratto di Marino Marini; Michel Sima (1912-1987), che realizza il doppio ritratto di Marcel Duchamp e Man Ray; la francese Denise Colomb (1902-2004), autrice del ritratto di Leonora Carrington e Leonor Fini; August Sander (1876-1964), il cronista della società tedesca del periodo tra le due guerre, che immortala Otto Dix in una delle fotografie più antiche della collezione.

François Meyer
La collezione “Art Faces” ha inizio dall’ambizioso progetto del fotografo svizzero François Meyer che, spinto dalla curiosità nei confronti della persona che si cela dietro un’opera d’arte, decide di realizzare una collezione di fotografie di ritratti d’artisti. Inizia a raccogliere le sue opere nel 1975, quando lavora come fotografo per il mondo dell’arte e collabora con riviste quali L’Oeil, Conossaince des Arts, Architectural Digest e Elle Decor. Meyer non intende realizzare scatti improvvisati o sul momento, bensì composizioni oggetto di approfondite riflessioni. Nei suoi ritratti instaura, dietro l’obbiettivo, un rapporto tra il mondo della fotografia e quello dell’arte e, attraverso le sue foto, la scena artistica degli anni Settanta viene rappresentata come un caleidoscopio colorato dallo spirito del tempo. All’inizio i ritratti sono 80, tra cui quello di Sonia Delaunay, Andy Warhol, Roy Lichtenstein, Wilfredo Lam, Richard Serra, Tom Wesselmann e altri artisti famosi. Il progetto viene dimenticato in un cassetto fino al 1998 quando, insieme alla moglie, Meyer decide di ampliare la raccolta acquistando i ritratti di altri fotografi. In molti si sono dedicati con sorprendente esclusività al ritratto d’artista individuando, nel rapporto intimo con il soggetto che fotografano, una missione particolare del loro lavoro.

La mostra Art Faces
È attraverso questa intrigante storia che si arriva alla mostra presso l’Art Forum Würth Capena, dove è esposta una selezione di oltre 100 fotografie di 32 fotografi, accompagnata da alcune opere originali della Collezione Würth di artisti come Jean-Michel Basquiat, Andy Warhol, Max Ernst, Jean Arp, Salvador Dalí, David Hockney, Keith Haring, Roy Lichtenstein, Sam Francis.

Le sale espongono opere e fotografie insieme, creando un percorso che fa da compendio all’idea di Meyer di vincolare l’artista alla sua opera. L’allestimento, che raggruppa gli artisti a partire dai movimenti che li hanno visti protagonisti, si presta mirabilmente a far conoscere le molteplici angolazioni da cui i fotografi si sono approcciati nel tempo al ritratto d’artista e consente di intraprendere un viaggio nella grande Storia dell’Arte attraverso i visi e gli sguardi delle persone che la hanno resa tale.
Secondo la Direttrice della Collezione Würth C. Sylvia Weber, “i nomi degli artisti ritratti non rappresentano solo i riferimenti di maggior spicco del mondo dell’arte, ma in molti casi coincidono perfettamente con l’espressione artistica della Collezione Würth”.La mostra è accompagnata dal catalogo edito da Swiridoff.

Da sinistra: Walter Guadagnini e François Meyer

Da sinistra: Walter Guadagnini e François Meyer

Da sinistra: Valentina Spagnuolo (Art Forum Würth Capena), Norman Atz (Responsabile Comunicazione e Pubblicità Würth Srl), Marianna Benigni (Art Forum Würth Capena), Marzia Mosca (Art Forum Würth Capena)

Da sinistra: Valentina Spagnuolo (Art Forum Würth Capena), Norman Atz (Responsabile Comunicazione e Pubblicità Würth Srl), Marianna Benigni (Art Forum Würth Capena), Marzia Mosca (Art Forum Würth Capena)

Da sinistra: Marzia Mosca (Art Forum Würth Capena), Valentina Spagnuolo (Art Forum Würth Capena), François Meyer, Marianna Benigni (Art Forum Würth Capena)

Da sinistra: Marzia Mosca (Art Forum Würth Capena), Valentina Spagnuolo (Art Forum Würth Capena), François Meyer, Marianna Benigni (Art Forum Würth Capena)

Foto inaugurazione mostra “Art Faces. Ritratti d’artista nella Collezione Würth”

Foto inaugurazione mostra “Art Faces. Ritratti d’artista nella Collezione Würth”

linea grigia

Art Forum Würth Capena

Arte e cultura sono concetti impressi nel DNA del Gruppo Würth e rappresentano un importante valore aggiunto della filosofia aziendale. Lo spazio espositivo di Capena, alle porte di Roma, è stato realizzato unitamente al progetto della sede Würth nel 2005 ed inaugurato nel 2006. Come gli altri 14 musei, gallerie e spazi espositivi del Gruppo Würth europei, si deve alla volontà del Prof. Dr. h. c. mult. Reinhold Würth di rendere fruibili le opere d’arte della Collezione da lui stesso fondata da parte sia dei dipendenti dell’azienda che del pubblico esterno. Spazialmente molto vasto, circa 550 m² articolati su due piani, ospita periodicamente mostre temporanee, ciascuna accompagnata da una serie di attività culturali e didattiche. In tal senso si inseriscono le visite guidate per diverse tipologie di pubblico: gruppi scolastici, bambini e ragazzi, Clienti e dipendenti. L’offerta comprende inoltre laboratori, incontri con gli artisti, concerti, spettacoli teatrali, proiezioni, concorsi, workshop per adulti e tutte quelle manifestazioni che possono contribuire a valorizzare le mostre in corso ed arricchire l’offerta culturale del territorio.

Orari di apertura al pubblico:
lunedì – sabato: 10.00 – 17.00
domenica e festivi chiuso
Ingresso gratuito